Testimonianze

Trent’anni sono l’età in cui si comincia ad entrare nel pieno della maturità

Trent’anni sono l’età in cui si comincia ad entrare nel pieno della maturità e dunque un compleanno da festeggiare innanzitutto complimentandosi per il traguardo raggiunto. E quando a compiere questo giro di boa è una cooperativa sociale – un’azienda che mira a contemperare l’essere impresa con prioritari obiettivi di solidarietà umana – congratularsi è più che d’obbligo.

Isola Verde si è costruita in questi tre decenni un percorso passo dopo passo e oggi può guardarsi alle spalle con soddisfazione per la strada fatta. Soprattutto nel solco di quella ‘sussidiarietà’ che adesso è concetto e termine di dominio comune, ma una trentina di anni fa molto meno.

In questo arco di tempo questa cooperativa sociale ha declinato nella sua attività pratica e quotidiana quei valori che danno sostanza al principio stesso di ‘sussidiarietà’, ovvero un’alleanza tra soggetti pubblici e cittadini a favore dell’interesse comune.

Un patto con il quale si delegano gli attori più vicini al cuore del problema a partecipare alla sua soluzione. Si tratta di risposte ad esigenze di una realtà sempre più complessa, in cui si ampliano le sacche di disagio e di conseguenza si avverte forte la necessità di arginarle con iniziative di recupero e reinserimento sociale.

Nel concreto ciò si traduce nell’offerta di occupazione, di un impegno quotidiano retribuito, per dimostrare a se stessi e agli altri che si è in grado di fare la propria parte quando un sistema sociale, che cerca di non lasciare indietro nessuno, ammette la chance di mettersi alla prova.

Isola Verde nel Verbano Cusio Ossola è tra le cooperative che per prime hanno fatto propria questa missione: il cammino fin qui compiuto è la palese testimonianza del riscontro pratico ed effettivo di quello dichiarato in termini di obiettivi e propositi. Il suo bilancio sociale contiene tutti gli elementi che certificano questa coerenza, rispecchiata nei progetti messi in campo e nella voglia di essere soggetto attivo di questa nostra comunità attraverso il lavoro, le idee e qualche sogno. Di questi alcuni sono stati realizzati, altri sono lì: mete ambite ma non irraggiungibili. Come una vetta luminosa a cui si guarda con la certezza di riuscire, prima o poi, a scalarla. E Isola Verde ha tutto il fiato, la determinazione, e una visione ampiamente condivisa, per poter arrivare fino in cima.

Massimo Nobili